You are currently browsing the tag archive for the ‘potere’ tag.

Un gruppo di autori residenti a Bologna sotto lo pseudonimo attivista “Luther Blisset” scrive un romanzo in cui si descrivono 30 anni di lotte ai poteri temporale e spirituale e la loro repressione, decine di personaggi, 600 pagine che ti scorrono via in un lampo, tradotto in 14 lingue, la prima opera pubblicata da una major con una formula anti-copyright.
Da quando Lutero il 31 ottobre 1517 affisse le sue 95 tesi alle porte della Cattedrale di Wittenberg l’Europa non sarebbe stata più la stessa: da Thomas Müntzer e la Rivolta Contadina al Movimento Anabattista, dalla banda di Batenburg degli Armati della Spada alla comunità Loista di Anversa. Dal mercato sotterraneo di libri dissidenti, all’anabattismo italiano.
“Eresie, insurrezioni, battaglie, duelli, amori, amplessi, vendette, processi, roghi e piani mandati all’aria da imprevedibili rovesci del destino” [dal sito di Wu Ming, il nuovo nome collettivo degli autori].
Due personaggi inventati, due nemici, percorrono fedelmente 30 anni di storia Europea colma di personaggi ed eventi reali.
Un romanzo politico assolutamente attuale, chiave per leggere i nostri tempi.
Un romanzo insanguinato, duro.
Non pensavo che esistesse un libro tanto enorme, meraviglioso, infuocato come questo.
Non è un libro che tutti gli stomaci e tutte le mentalità possano tollerare.
Tra i migliori che siano mai stati scritti, secondo me.

Annunci

“Se avrai Fede entrerai in Paradiso, altrimenti andrai all’Inferno!”
“Voglio aver Fede, Padre! Mi dica cosa devo fare!”
“Devi fare la Volontà di Dio, Figlio mio!”
“Mi dica Padre, qual è la Volontà di Dio?”
“Per conoscerla devi affidarti alla Parola di Dio, messa per iscritto nelle Sacre Scritture dagli Uomini che Lui ha scelto, ed affidarti nella sua giusta interpretazione al Capo della Chiesa: in materia di Fede Egli è infallibile!”
“Va bene, Padre, ma chi mi garantisce che ciò che hanno scritto gli uomini sia realmente stato dettato da Dio, e che il Capo della Chiesa sia veramente, in materia di Fede, infallibile?”
“L’ha detto Dio!”
“La prego, Padre, mi faccia capire: il Capo della Chiesa dice di rappresentare la voce di Dio perché l’ha detto Dio, ma il fatto che l’abbia veramente detto Dio ce lo garantisce proprio il Capo della Chiesa… non ci trova qualcosa di strano? Chi mi assicura che questa voce l’abbia messa in giro proprio Dio e non il Capo della Chiesa? E chi mi dà la prova che le Sacre Scritture rappresentino veramente la Parola di Dio? Chi mi garantisce cioè che il Capo della Chiesa, e la Chiesa stessa, non si siano legittimati da soli?
“Arrr… il tuo cuore lo sa!”
“Ma allora devo ascoltare prima il mio cuore, e poi il Capo della Chiesa e le Sacre Scritture?! E tutti coloro il cui cuore suggerisce che il Capo della Chiesa non è veramente il massimo rappresentante di Dio in Terra e le Sacre Scritture non sono veramente la Parola di Dio?”
“Sono degli eretici! Non è la Parola di Dio che soffia contro le porte sprangate del loro cuore quella che ascoltano, seguono piuttosto il sibilo ammaliatore di Satana! Inoltre è evidente che dietro al Capo della Chiesa ed alle Sacre Scritture, e quindi a tutta la Chiesa, vi sia l’Unico Dio: solo così si spiegano infatti gli innumerevoli Miracoli e le Sante Opere che la Chiesa ha negli anni compiuto, e la sua diffusione nel mondo!”
“Padre, questo suo giudizio è quanto di più soggettivo ci possa essere e non trovo alcun motivo né razionale, né emotivo, né spirituale per cui debba essere unanimemente condiviso; trovo inoltre che l’unica cosa veramente evidente sia che la Chiesa ed il suo Capo abbiano una grande convenienza a che la loro autorità venga largamente riconosciuta”
“Figliolo…”
“Padre…”
“Tu andrai all’Inferno, Figliolo”
“Non c’è peggior peccato, Padre, che controllare gli uomini schiavizzando Dio”
“Andrai all’Inferno”
“Forse ne sto uscendo”

PREOCCUPATISSIMO per le riforme costituzionali e sulla libertà in internet che questa destra SCELLERATA vuole fare, DISGUSTATO dalla tiepidezza con cui il PD fa opposizione, FRASTORNATO dalla gente che ignora o addirittura appoggia ciò che così chiaramente è marcio, DECISO a cambiare il nostro tipo di gestione del potere con uno più condiviso che passi dalla CONSAPEVOLEZZA delle persone comuni e dalla loro CAPACITÀ CRITICA, che è esattamente ciò che non si insegna a scuola.

oggi è uscito il primo numero de “Il Fatto Quotidiano“, nuovo quotidiano che esce dal martedì alla domenica, che rifiuta finanziamenti pubblici e dipende economicamente in toto dalle vendite ai lettori e dai proventi della pubblicità, che nessun telegiornale ne ha mai parlato, che annovera fra le sue penne 16 redattori fra i 30 e i 40 anni che rispondono ai nomi di Marco Travaglio, Oliviero Beha, Marco Lillo, Francesco Bonazzi, Wanda Marra, Gianni Barbaccetto, Massimo Fini, Peter Gomez e altri che comunque io sono ignorante e ne conosco pochi, che è disponibile anche in pdf, che si propone come pubblicazione libera da padroni di sorta e che ha fatto quasi il tutto esaurito alle 9.30 del mattino determinando per tal motivo la scelta da parte della redazione di pubblicare online gratuitamente il primo numero in via del tutto eccezionale.
io sono riuscito ad averne una copia, francamente mi è piaciuta e intendo seguitare a comprarne, se davvero il giornale si manterrà come hanno promesso.
io ne ho fiducia.

ho inviato anche una mail alla segreteria della redazione, eccola qua:

cari ragazzi del fatto quotidiano (vi fa piacere che vi ringiovanisca, eh? vecchi briganti! 😉 )

non ho mai scritto alla segreteria di un quotidiano e sono onorato di cominciare con voi.

oggi ho penato non poco per trovare una copia del vostro (nostro?) giornale in edicola… molto ingenuamente son uscito di casa alle 11.00 quando il quotidiano era esaurito già da un bel po’, quando, dopo aver girato con la mi’ ragazza per 4 o 5 edicole in modo vergognosamente infruttuoso, ho avuto quel che si suol dire un lampo di genio: i supermercati! quanta gente va nei supermercati a comprare i quotidiani?!! ci siam dunque fiondati nel supermercato con servizio vendita giornali più vicino e… la bellezza di 2 (due) copie del Fatto anno 1 numero 1 eran lì ad aspettarci!!
si compran tutte e 2 e ce ne torniamo a casa contenti per il nuovo giornale sotto braccio e per la bella idea avuta.. finalmente una storia a lieto fine!!! (ero già lì lì per brontolarvi via email!)

cari ragazzi del Fatto, vorrei lasciarvi qualche mio consiglio, se ve ne giovate:

– pubblicate più copie, please… ma parecchie di più, eh? francamente 3 sole copie per giornalaio mi sembran un po’ pochine..
..anche se è comprensibile che dobbiate andarci piano.
[infatti hanno in effetti dovuto cominciare con una bassa tiratura per non rischiare il flop economico. Le copie in tutta Italia erano 100.000 (con successiva ristampa e messa sul mercato di altre 50.000 nel solo territorio di Milano per sopperire in minima parte alla richiesta). Già domani, per il secondo numero, ne stamperanno 250.000: è prevedibile per il futuro una rapidissima impennata. NdA]

– scrivete la verità, sempre, in ogni direzione, senza nemmeno dovervi etichettare come “di opposizione” o “di governo”, di “destra” come “di sinistra”, “contro” o “a favore”: preoccupatevi solo di continuare a informare la gente con i fatti… siate davvero liberi!
è quello di cui c’è più bisogno oggi..!…

– consiglio di inserire una pagina di “buone notizie” o quantomeno di innovazioni e fatti positivi, chessò, per esempio le nuove invenzioni e idee in campo ecologico, per fare un esempio, o le proposte innovative dei cittadini in campo politico.. che ne so, forse è un discorso un po’ buonista… ma secondo me c’è la possibilità di farla diventare una cosa davvero interessante… in piena sincerità penso ci sia un DISPERATO bisogno di proposte in positivo… mi piacerebbe trovarle sul Fatto! 🙂

– c’è la possibilità di spedirvi qualche vignetta fatta da noi lettori con la speranza di vederla pubblicata sul fatto quotidiano? e altrettanto:

– pubblicate una volta al giorno o una volta ogni tanto un articolo scritto dai vostri lettori, ovviamente solo se di qualità (ma tra tutti noi lettori senz’altro qualcosa di vera qualità la si trova sempre!)… mi piace l’idea che tra di voi ci sia ogni giorno uno di noi…

– (ehm.. c’è la possibilità che per ogni vignetta e articolo pubblicato si percepisca qualche soldino?… scusate la venialità!!!)

… come minimo questi miei “consigli” li avete già pensati da voi e magari già scritti da qualche parte.. perdonate in tal caso questa mia lista e prendetela come una approvazione di quello che già vi state proponendo.

che dire ancora?
grazie!

davvero con affetto,
sandro puggelli.


… mi sono poi dimenticato di “consigliargli” di filtrare sempre con molta attenzione i prodotti e le cose che pubblicizzeranno sul loro giornale… mi pare una questione importante, no?

Ad ogni modo, detto tutto questo, aspetto che l’informazione pubblica adotti definitivamente (con le dovute eccezioni che ci vogliono sempre) un supporto digitale, perché, come dice Stefano nel 564° commento in questa pagina qua…:

Il cartaceo va abolito. La stampa costa, le poste sono inefficienti e il consumo di carta è dannoso per l’ambiente. Serve una completa riconversione al digitale, in abbonamento ma a bassissimo prezzo (es. 30 cent a copia/giorno). E, naturalmente, con supporto differente anche modalità di fruizione deve essere differente: articoli on-progress durante la giornata con contenuti multimediali. Insomma, un giornale online.

un giornale online con risposte e critiche online e smentita online degli articoli contenenti informazioni fasulle, e controsmentite online nel caso in cui ci si possa permettere di farlo, come se lo è potuto permettere il Fatto Quotidiano già dal primo numero, quando a seguito della pubblicazione di un articolo senza peli sulla lingua su di un Gianni Letta indagato per abuso d’ufficio, truffa e turbativa (nella totale ignoranza del popolo italiano in quanto nessun giornale ha mai passato tale notizia se non una volta in maniera assolutamente velata sulla Repubblica) un comunicato di Palazzo Chigi ha prontamente smentito che vi siano attualmente in corso indagini su Letta per poi essere controsmentito altrettanto rapidamente sul web dal Fatto Quotidiano con tanto di libera pubblicazione degli atti ufficiali.

quando finalmente la libera informazione raggiunge e supera in velocità la menzogna

dato questo

e questo

che ne dici di firmare qui?

liberamentemonete&radici

in questo disegnino ci sono 3 scritte
spieghiamo le 3 scritte:

LiberaMente > vecchio e scontato gioco di parole, comunque carino, rappresenta la dichiarazione del voler esprimere in forma libera ciò che provavo disegnando

IL POTERE E IL DENARO > chi ha soldi ha potere, potere di aquisto ma non solo.
potere di comprarsi una maglietta,
di laurearsi in medicina,
di dormire sotto un tetto e lavarsi tutti i giorni
di accedere a internet
di comprarsi le donne attratte dai soldi o da quello che essi possono comprare
di comprarsi ogni genere di uomo disposto a vendersi per denaro,
e alcuni uomini sono uomini capaci, influenti, potenti,
alcuni sono editori, alcuni scrittori, alcuni sono veri e propri geni.
chi ha soldi può mettere ogni genere di competenze al proprio servizio.
può mettere tutti i cervelli disposti a vendersi per denaro al proprio servizio.
e gli uomini disposti a vendersi per denaro riguardano ogni genere di competenza.
poi può mettere insieme cervelli, scrittori e editori e diffondere le proprie idee a macchia d’olio, e comprarsi un’opinione pubblica e un consenso popolare tutti suoi.
alcuni uomini politici sono in vendita, sono i cosiddetti politici corrotti.
gli uomini politici fanno le leggi.
chi ha soldi può arrivare a esercitare potere sulle leggi.
il potere d’acquisto dei soldi ha infiltrato il potere sociale,
questo è il potere sociale derivato direttamente dai soldi.

il potere dei soldi valica i confini delle singole persone: gli stati con più soldi sono gli stati che godono di maggiore considerazione per l’opinione pubblica.
basta pensare a quante cose sapete dell’america, della francia, dell’inghilterra, e quante ne sapete dell’etiopia, della romania, del ghana (come si scrive?..). gli stessi turisti rumeni non valgono quanto quelli americani: i turisti rumeni sono turisti di serie B.
per i commercianti certo, ma non solo.

il potere attribuito ai soldi è eccessivo, perché non è detto che chi ha soldi sia capace di gestire il potere sociale nel modo migliore per la società.
qualcuno in questi giorni ha parlato di meritocrazia.
in base a questa, per esempio, il potere sociale dovrebbe essere dato in mano agli uomini in grado di usarlo al meglio per la società.
questo genere di meritocrazia non è molto diffusa, in quasi nessun ambiente.
d’altra parte chi definisce quali sono i meriti? quali sono i criteri che stabiliscono che uno è meritevole e un altro no?
quello di avere soldi è uno dei meriti della meritocrazia vigente ai nostri giorni.
non è il solo certo, per quanto uno dei più potenti, se non il più potente: ci sono altri generi di corruzione che non passano per il denaro corrente. ci sono le amicizie politiche, la svendita dei voti, e altri generi di “meriti” che attribuiscono potere sociale.

il criterio di attribuzione del potere nella società è da rivedere alle radici.

DUBITARE DELLE RADICI > questo è da riferirsi al discorso precedente, certo, ma non solo.
riguarda il porsi domande su tutto ciò che diamo per scontato, su ciò che è di base per i nostri ragionamenti, per i nostri giudizi. riguarda il dubitare dei “meriti” alla base della meritocrazia dei nostri giorni, riguarda il dubitare i nostri stessi princìpi.
Le parole “corretto”, “giusto”, “sbagliato”, “buono”, “cattivo”, “migliore”, “peggiore”, sono il metro con cui giudichiamo le cose che ci si pongono davanti, sono cioè l’espressione di ciò che ci permette di scegliere fra più cose.
ma chi definisce queste parole, chi decide che cosa è meglio, peggio, giusto, sbagliato, corretto, buono, cattivo?
sono i nostri princìpi, i princìpi che abbiamo, che danno un significato a queste parole. se una cosa è conforme a un nostro principio, è buona, se non lo è, è cattiva.
ma da dove vengono questi princìpi? sono forse assoluti?
dovrebbero esserlo, se si parla di bene e male. ma non è affatto detto che sia così.
certe volte vengono da dentro di noi e basta: lo sai da te che il dolore fa male, perché il tuo organismo è fatto così: se metti il pene sotto a una ruspa ti fa male. non è che te l’hanno dovuto dire: “oh guarda, ti fa male il pene” “ah cavolo, è vero, lo levo subito!”, queste cose le sai e basta.
altre volte però non sono così innate, e in questo caso i princìpi ci vengono dati da qualcuno.
ma chi ci dice che questi princìpi siano quelli giusti?
e poi, giusti per chi?
in assoluto? per me? per te?

in teoria, i princìpi sono giusti a priori, per assunto.
e questo andrebbe anche bene, se non fosse che la gente crede in princìpi diversi anche in contrasto gli uni con gli altri e per i quali si è sparso e si sparge tuttora sangue:
ovviamente se i miei princìpi sono giusti, i tuoi, se contrastano coi miei, non possono che essere sbagliati. e se tu valuti quello che è buono e cattivo sulla base di princìpi sbagliati, valuterai male, e potrai scambiare quello che è buono per cattivo e viceversa. per cui, ai miei occhi, diventerai cattivo. e in certi casi, potrei perfino ammazzarti.
tuttavia, generalmente, non è necessario ammazzarti, mi basta pensare che tu sia in errore. per fare un esempio, se io sono cristiano e tu induista, alcune cose le dirai in accordo con me altre in disaccordo, e su quelle in disaccordo, ovviamente tu sbagli e io ho ragione. però non è che per questo ti ammazzo: mi basta pensare che tu sia in errore, che tanto esiste il perdono, e te la cavi così; o che tu non abbia ancora ricevuto la grazia di conoscere la Verità, che è solo Dio a concederla e te la concederà quando lo riterrà giusto. Sì perché è Dio che mi ha dato i miei princìpi, a differenza dei tuoi a te. Così mi metto al sicuro. In fondo, questo stesso è un mio princìpio, forse il più importante di tutti: i miei princìpi non si toccano.

Insomma, ognuno di noi valuta ciò che è giusto e sbagliato in base ad alcuni criteri più o meno acquisiti, una legge interiore che reputiamo superiore a qualunque cosa, perfino a noi stessi, al punto che le persone che ammiriamo di più sono quelle che sono giunte a morire per i propri ideali (meglio se i nostri).
come potremmo mai dubitare dei nostri stessi princìpi, delle stesse radici della nostra morale?
eppure, qualcuno lo dovrà pur fare: non io certo, ma tu, che sbagli, lo dovresti fare! eccome se lo dovresti fare!

DUBITARE DELLE RADICI vuol dire chiedersi se gli stessi criteri che utilizziamo per dare giudizi e effettuare delle scelte sono giusti oppure sbagliati.
io credo che ciascuno di noi dovrebbe dubitare delle proprie radici, e chiedersi se gli altri non abbiano – magari sotto un punto di vista che prima neppure sospettavamo – tanta ragione quanto noi.
dubitare delle proprie radici, dei propri principi quindi.
tuttavia se sono i princìpi a definire cosa è giusto e cosa è sbagliato, come possiamo chiederci se essi siano giusti oppure sbagliati?
in base a cosa potremmo dire che i nostri princìpi ossia tutto ciò in cui noi crediamo è giusto oppure sbagliato? quali criteri ci permettono di valutare se i criteri con cui valutiamo ciò che è buono e cattivo sono buoni o cattivi?
in questa maniera tutto potrebbe crollare sotto ai propri piedi, e noi stessi saremmo i manovratori della vanga che ne sarebbe responsabile.

per il momento, basta così.

COME COMMENTARE I MIEI POST

se volete commentare un mio articolo e non sapete come fare cliccate l'ultima delle parole scritte in blu presenti sotto il titolo di ogni post: se nessuno ha ancora commentato ci sarà scritto "Lascia un commento", se qualcuno ha già commentato ci sarà specificato il numero dei commenti presenti, ad esempio "7 commenti", ma potrebbero essere anche 5 o 10.000... ok? insomma voi cliccate lì e poi andate a commentare in fondo alla pagina. Se invece quel pulsante non fosse presente, andate in fondo alla pagina e commentate direttamente... BUON COMMENTO! :)

È CALDAMENTE CONSIGLIATO PERMETTERSI DI FARE ERRORI!

Questo sito in perenne modifica si propone di fare e dire tante cose e quindi si suppone che tante volte sbaglierà. La creatività presuppone la libertà di fallire, il cambiamento sociale anche. Un richiamo a questo concetto (e a molti altri) si trova anche in questo bel video qua! Permettersi di fare errori è forse il miglior modo per correggerli. Dato poi che di errori ne faccio tanti e che il mio pensiero è perennemente in evoluzione, non è difficile che al termine di un mio post possiate incontrare un aggiornamento scritto in rosso. Siete caldissimamente invitati a esporre critiche dubbi consensi e quant'altro di civilmente espresso al fine di contribuire all'aggiornamento e al perfezionamento dei miei pensieri! GRAZIE!!!

Aggiornamenti Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Le immagini presenti sul blog non realizzate da me appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.