You are currently browsing the category archive for the ‘internet’ category.

oggi è uscito il primo numero de “Il Fatto Quotidiano“, nuovo quotidiano che esce dal martedì alla domenica, che rifiuta finanziamenti pubblici e dipende economicamente in toto dalle vendite ai lettori e dai proventi della pubblicità, che nessun telegiornale ne ha mai parlato, che annovera fra le sue penne 16 redattori fra i 30 e i 40 anni che rispondono ai nomi di Marco Travaglio, Oliviero Beha, Marco Lillo, Francesco Bonazzi, Wanda Marra, Gianni Barbaccetto, Massimo Fini, Peter Gomez e altri che comunque io sono ignorante e ne conosco pochi, che è disponibile anche in pdf, che si propone come pubblicazione libera da padroni di sorta e che ha fatto quasi il tutto esaurito alle 9.30 del mattino determinando per tal motivo la scelta da parte della redazione di pubblicare online gratuitamente il primo numero in via del tutto eccezionale.
io sono riuscito ad averne una copia, francamente mi è piaciuta e intendo seguitare a comprarne, se davvero il giornale si manterrà come hanno promesso.
io ne ho fiducia.

ho inviato anche una mail alla segreteria della redazione, eccola qua:

cari ragazzi del fatto quotidiano (vi fa piacere che vi ringiovanisca, eh? vecchi briganti! 😉 )

non ho mai scritto alla segreteria di un quotidiano e sono onorato di cominciare con voi.

oggi ho penato non poco per trovare una copia del vostro (nostro?) giornale in edicola… molto ingenuamente son uscito di casa alle 11.00 quando il quotidiano era esaurito già da un bel po’, quando, dopo aver girato con la mi’ ragazza per 4 o 5 edicole in modo vergognosamente infruttuoso, ho avuto quel che si suol dire un lampo di genio: i supermercati! quanta gente va nei supermercati a comprare i quotidiani?!! ci siam dunque fiondati nel supermercato con servizio vendita giornali più vicino e… la bellezza di 2 (due) copie del Fatto anno 1 numero 1 eran lì ad aspettarci!!
si compran tutte e 2 e ce ne torniamo a casa contenti per il nuovo giornale sotto braccio e per la bella idea avuta.. finalmente una storia a lieto fine!!! (ero già lì lì per brontolarvi via email!)

cari ragazzi del Fatto, vorrei lasciarvi qualche mio consiglio, se ve ne giovate:

– pubblicate più copie, please… ma parecchie di più, eh? francamente 3 sole copie per giornalaio mi sembran un po’ pochine..
..anche se è comprensibile che dobbiate andarci piano.
[infatti hanno in effetti dovuto cominciare con una bassa tiratura per non rischiare il flop economico. Le copie in tutta Italia erano 100.000 (con successiva ristampa e messa sul mercato di altre 50.000 nel solo territorio di Milano per sopperire in minima parte alla richiesta). Già domani, per il secondo numero, ne stamperanno 250.000: è prevedibile per il futuro una rapidissima impennata. NdA]

– scrivete la verità, sempre, in ogni direzione, senza nemmeno dovervi etichettare come “di opposizione” o “di governo”, di “destra” come “di sinistra”, “contro” o “a favore”: preoccupatevi solo di continuare a informare la gente con i fatti… siate davvero liberi!
è quello di cui c’è più bisogno oggi..!…

– consiglio di inserire una pagina di “buone notizie” o quantomeno di innovazioni e fatti positivi, chessò, per esempio le nuove invenzioni e idee in campo ecologico, per fare un esempio, o le proposte innovative dei cittadini in campo politico.. che ne so, forse è un discorso un po’ buonista… ma secondo me c’è la possibilità di farla diventare una cosa davvero interessante… in piena sincerità penso ci sia un DISPERATO bisogno di proposte in positivo… mi piacerebbe trovarle sul Fatto! 🙂

– c’è la possibilità di spedirvi qualche vignetta fatta da noi lettori con la speranza di vederla pubblicata sul fatto quotidiano? e altrettanto:

– pubblicate una volta al giorno o una volta ogni tanto un articolo scritto dai vostri lettori, ovviamente solo se di qualità (ma tra tutti noi lettori senz’altro qualcosa di vera qualità la si trova sempre!)… mi piace l’idea che tra di voi ci sia ogni giorno uno di noi…

– (ehm.. c’è la possibilità che per ogni vignetta e articolo pubblicato si percepisca qualche soldino?… scusate la venialità!!!)

… come minimo questi miei “consigli” li avete già pensati da voi e magari già scritti da qualche parte.. perdonate in tal caso questa mia lista e prendetela come una approvazione di quello che già vi state proponendo.

che dire ancora?
grazie!

davvero con affetto,
sandro puggelli.


… mi sono poi dimenticato di “consigliargli” di filtrare sempre con molta attenzione i prodotti e le cose che pubblicizzeranno sul loro giornale… mi pare una questione importante, no?

Ad ogni modo, detto tutto questo, aspetto che l’informazione pubblica adotti definitivamente (con le dovute eccezioni che ci vogliono sempre) un supporto digitale, perché, come dice Stefano nel 564° commento in questa pagina qua…:

Il cartaceo va abolito. La stampa costa, le poste sono inefficienti e il consumo di carta è dannoso per l’ambiente. Serve una completa riconversione al digitale, in abbonamento ma a bassissimo prezzo (es. 30 cent a copia/giorno). E, naturalmente, con supporto differente anche modalità di fruizione deve essere differente: articoli on-progress durante la giornata con contenuti multimediali. Insomma, un giornale online.

un giornale online con risposte e critiche online e smentita online degli articoli contenenti informazioni fasulle, e controsmentite online nel caso in cui ci si possa permettere di farlo, come se lo è potuto permettere il Fatto Quotidiano già dal primo numero, quando a seguito della pubblicazione di un articolo senza peli sulla lingua su di un Gianni Letta indagato per abuso d’ufficio, truffa e turbativa (nella totale ignoranza del popolo italiano in quanto nessun giornale ha mai passato tale notizia se non una volta in maniera assolutamente velata sulla Repubblica) un comunicato di Palazzo Chigi ha prontamente smentito che vi siano attualmente in corso indagini su Letta per poi essere controsmentito altrettanto rapidamente sul web dal Fatto Quotidiano con tanto di libera pubblicazione degli atti ufficiali.

quando finalmente la libera informazione raggiunge e supera in velocità la menzogna

COME COMMENTARE I MIEI POST

se volete commentare un mio articolo e non sapete come fare cliccate l'ultima delle parole scritte in blu presenti sotto il titolo di ogni post: se nessuno ha ancora commentato ci sarà scritto "Lascia un commento", se qualcuno ha già commentato ci sarà specificato il numero dei commenti presenti, ad esempio "7 commenti", ma potrebbero essere anche 5 o 10.000... ok? insomma voi cliccate lì e poi andate a commentare in fondo alla pagina. Se invece quel pulsante non fosse presente, andate in fondo alla pagina e commentate direttamente... BUON COMMENTO! :)

È CALDAMENTE CONSIGLIATO PERMETTERSI DI FARE ERRORI!

Questo sito in perenne modifica si propone di fare e dire tante cose e quindi si suppone che tante volte sbaglierà. La creatività presuppone la libertà di fallire, il cambiamento sociale anche. Un richiamo a questo concetto (e a molti altri) si trova anche in questo bel video qua! Permettersi di fare errori è forse il miglior modo per correggerli. Dato poi che di errori ne faccio tanti e che il mio pensiero è perennemente in evoluzione, non è difficile che al termine di un mio post possiate incontrare un aggiornamento scritto in rosso. Siete caldissimamente invitati a esporre critiche dubbi consensi e quant'altro di civilmente espresso al fine di contribuire all'aggiornamento e al perfezionamento dei miei pensieri! GRAZIE!!!

Aggiornamenti Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Le immagini presenti sul blog non realizzate da me appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.