You are currently browsing the category archive for the ‘amore’ category.

dedicata agli amori inestinguibili
che si estingono
in una tepida saudade

ecco,
amore mio,
questa sera non mi lasciare, non mi lasciare questa sera amore mio.
ho spezzato mille rose rosse, cento lame di cristallo,
e la moltitudine delle notti e delle lune che ti hanno accarezzato,
oggi non sono altro che flebili viatici per i tuoi seni stanchi.

fiotti di caldo umore sgorgano dallo squarcio nel mio petto,
gessato rossore agita dalle gote tue,
i riccioli con cui giocavo –
si bagna di assenza la tua apparizione_
i riccioli del tuo cranio
danzano,
lemmi,
sui sogni miei.

giaci fra di me, nelle mie braccia,
come quel giorno in cui per la prima volta
facemmo l’amore,
noi due,
cent’anni fa;
giaci fra di me, nelle mie braccia,
come una pallida rosa
il petalo di una promessa
lo stelo della nostra nudità,
e io ti conquisto con le mie labbra stanche,
un giorno di più,
un giorno di più.

.

.

scritta alcuni anni fa come se un uomo potesse tornare ad un amore ormai morto da tempo, sapendo che comunque nuovamente ne morrà, per catturare faticosamente ogni nuovo giorno d’amore o di tiepido affetto
come una conquista
.

che si estingono
in una tiepida saudade
Annunci

“Morire non mi piace per niente. Credo sarà l’ultima cosa che farò.”
R. Benigni

“Caro Ale

sono appena sceso in camera e vi ho trovato Vera seduta accanto al letto su cui la nonna sta dormendo col suo volto emaciato e stanco. Muove continuamente le mani in una strana e lenta tiritera, alzandole e lasciandole cadere rigirate sul letto. Lei dice di non soffrire, ed è una cosa meravigliosa. Chissà perché muove le braccia e le mani.. forse un riflesso? Forse per non pensare? È incredibile la lucidità di questa donna, che pure così visibilmente estraniata ed ormai addormentata è così presente e cosciente di ciò che le accade intorno… ha dei tempi di reazione incredibilmente brevi per quanto riguarda il capire alcune cose, come la presenza mia e di Vera, ad esempio, nonostante tutto il resto sia così inesorabilmente rallentato… la stanza è colma dell’illuminazione perfetta garantita da una progettazione sapiente e accorta, le immense vetrate la lasciano filtrare quasi ad abbracciarci, la musica dal lettore esce dolce e sottovoce, tutto è incantato in quella stanza e la nonna ne è la regina, come se tutto si schiudesse per lei, come se lei fosse una farfalla sul ciglio di nascere.
Non ci vorrà più molto tempo ormai, ma è stato bellissimo starle a mia volta accanto e stringere la mano a tutte e 2.. mi pare felice nella sua immensa stanchezza, è davvero felice di vederci, questo è un regalo reciproco che rende felice anche me… sai, come futuro medico, ho pensato che il medico che arriva ad ignorare la morte dei propri pazienti ed a non stringere la mano ai moribondi e a non provare compassione per loro è l’ennesima sconfitta per il sistema umano. Ci può essere così tanta bellezza nella morte, Ale, che è desolante vedere quanto ci si affanni a tenerla al di fuori dei nostri ospedali… davvero.”

Ti abbraccio
Sandro”.



Spesso tendiamo a proteggere i bambini dal dolore e dalla morte facendoglieli incontrare il più tardi possibile, conosco – e le conoscerete senz’altro anche voi – persone alle quali quando erano piccole è stato negato di incontrare parenti o amici nei loro ultimi giorni di vita perché ritenute troppo piccole per affrontare cose troppo brutte; però non va bene così, la vita è anche cose brutte, o perlomeno è un affrontare cose brutte, per farle magari diventare belle, ed ecco, io credo che questo nascondere i bambini dalla morte sia poi nasconderli dalla vita.

Leo Buscaglia in “Vivere, Amare, Capirsi”, scriveva un pezzo magico:

“Quando arrivai a Calcutta, scesi dal treno, e non avevo ancora percorso quattrocento metri quando, come per un sovraccarico percettivo, vidi tutto ciò che c’è da vedere nella vita! Vidi infelicità, vidi disperazione, vidi bambini che morivano di fame, vidi gente dall’espressione angosciata, vidi gioia e vidi rapimento. Sì, vidi anche rapimento. Vidi fiori e danze e bellezze e morte. In quattrocento metri… mentre avevo impegnato tanti anni della mia vita solo per incominciare a imparare cos’è la vita.
Ed è questo che intendo dire quando affermo che noi neghiamo la vita ai bambini.”

Non voglio generalizzare, ogni situazione è a sé e sono certo che ci siano cose che un bambino, e forse anche un adulto, non dovrebbe vedere; ma le situazioni standard di malattia e morte – da ex bambino che la morte l’ha in qualche modo incontrata e ne ha sofferto –, trovo che la decisione di affrontare le “cose brutte” negandole, piuttosto che trovandovi nuovi punti di accesso, sia alla lunga dannosa per la nostra qualità di vita.

Cristo! Sarò un medico e nessuno nei passati 4 e più anni di università mi ha mai anche solo incoraggiato ad affrontare la morte in modo profondo e sincero!

La “cultura della morte sottovoce” ha fatto sì non solo che nelle università di medicina sul come affrontare la morte non vengano né spese parole in aula (il che è parzialmente comprensibile dato che non sono cose che si possono apprendere in modo “didattico”(se esiste qualcosa che si può apprendere in modo “didattico”)) né tantomeno incoraggiati gli studenti in una propria ricerca interiore; ma pure che negli ospedali e nelle case di riposo la morte di decine e centinaia e migliaia di persone al giorno avvenga in modo sterile, come di routine: un po’ perché è una routine, ma un po’ anche perché nessun paziente – anche i molti con cui sarebbe possibile – viene incoraggiato a incontrare la morte nel modo a lui più congeniale: questa è una società che nega bellezza alla morte. Non voglio dire che la morte sia bella – francamente ora come ora ne farei anche a meno – né fare un discorso religioso – perché la morte non riguarda solo i religiosi –, ma visto che da che mondo è mondo ognuno di noi deve morire, farlo con le persone, nel modo, nel luogo a noi più congeniali sarebbe decisamente preferibile al morire soli o quasi in un letto d’ospedale dalle pareti verdine.

Qualcosa si sta già muovendo anche a livello istituzionale, per esempio con la diffusione degli Hospice, ma il più, il cambiamento culturale che attraversi trasversalmente la società, rimane ancora da intraprendere.

Uno dei miei maestri di vita e medicina è Patch Adams, che ho avuto la fortuna di incontrare ed ascoltare personalmente, e che stimo enormemente per quello che fa, che è, e per la sua profonda intelligenza.
Tra le molte rivouzioni che ha portato in medicina, la più classica delle quali – il clown – è stata anche troppo istituzionalizzata, ci sono anche le sue riflessioni sulla “morte divertente” (che vanno bene per chiunque, non solo per i medici). Dice Patch:

“La morte ha sempre goduto di cattiva pubblicità. Molte ore della nostra vita trascorrono nel terrore di questo grande mistero. Morire è una delle poche cose che tutti devono fare, ma spesso non riusciamo a sopportarne il pensiero. La nostra società sente un tale disagio nei confronti della morte che, nonostante l’incredibile preoccupazione che provoca, poche persone desiderano parlarne apertamente, come argomento di una conversazione stimolante. […] Quando ero uno studente di medicina non ho mai assistito a una lezione sulla morte. Questa è una trascuratezza grave. La gente muore. Le vite sono distrutte dalla paura che ciò avvenga e le famiglie sono devastate quando succede. Ciononostante l’istruzione medica la ignora. […] I medici non sono qui per prevenire la morte! Siamo qui per aiutare i pazienti a vivere la più alta qualità di vita e, quando non è più possibile, favorire la più alta qualità di morte. Se noi medici non riusciamo ad essere completamente a nostro agio nei confronti della morte prendiamo in giro noi stessi e i nostri pazienti con un glorioso canto del cigno. Quando cominciai a praticare la medicina in reparto, durante il mio terzo anno di scuola di medicina, divenne ovvio che la morte fosse la realtà più sconfortante della vita. Molto spesso i pazienti che stavano palesemente morendo erano abbandonati: lasciati morire. […] È un difetto della medicina moderna che i medici non riescano a vedere quali potenzialità abbia il trasformare un rito di passaggio in un’esperienza meravigliosa.”

“Ogni volta che trascorro del tempo con una persona che muore trovo in effetti una persona che vive. I giovani vicini alla morte sono stati molto efficaci nell’esprimerlo. Ricordo una bambina di undici anni che aveva un tumore alle ossa del viso molto esteso, con un occhio che galleggiava nella massa. La maggior parte delle persone trovava difficile stare con lei a causa del suo aspetto. Il suo dolore non era dovuto al fatto che stava morendo, ma alla solitudine dovuta all’essere una persona che non si riusciva a guardare. Noi due giocammo, scherzammo e godemmo della sua vita finché non si spense. Quello fu il momento in cui presi l’impegno di godere della presenza dei malati in modo profondo e di comportarmi in modo normale con loro.
Un altro amico, di poco più di vent’anni, malato di cancro, disse in modo enfatico che era una persona viva e che odiava il disagio che la gente dimostrava per la sua morte. Questo disagio, diceva, interferiva con la sua vita. Andò ad una grande ballo, poco prima di morire: gli era rimasta solo parte di un polmone, ma ballò più a lungo e più intensamente della maggior parte delle persone presenti. Morire è il processo che inizia pochi minuti prima della morte, quando il cervello viene privato dell’ossigeno, tutto il resto è vivere.
[…] Così incoraggiai i pazienti a morire nella propria casa e accettai di assisterli là. Ogni volta che l’ho fatto, dall’esperienza della morte è stata rimossa buona parte della paura. Ogni volta sia i pazienti che la famiglie sono stati profondamente grati, spesso sperimentando la stessa gioia e felicità di una nascita in casa. Queste famiglie sono le più grate di tutte quelle che io ho conosciuto. Mi rendo conto di come solo poche persone oggi abbiano sperimentato in modo pieno la morte di un caro. Quando avevo sedici anni mio padre morì in un ospedale senza la sua famiglia e senza la possibilità di dire addio. Mi sento arrabbiato e tradito dal fatto di non essere stato con lui in quel momento. […] Se i corsi sulla nascita possono renderla una bellissima esperienza, perché non fare dei corsi sulla morte, per prepararci alla morte? Spesso, rendere familiare un’esperienza di vita, riduce l’ansia che essa genera. Questa è la ragione per la quale sostengo la morte divertente. Ho chiesto a migliaia di persone che cosa pensano della loro morte, e ho sentito ricorrere sempre queste risposte: “Non voglio che sia dolorosa” e “Vorrei che accadesse nel sonno”. Credo che, con uno sforzo cosciente e una pianificazione, il morire possa essere un evento previsto e dotato di una sua bellezza, condiviso con la famiglia e gli amici, un’ultima celebrazione dello stare insieme.
Così chiedo ai miei pazienti di immaginare che tipo di morte vorrebbero. […] “Vorresti una fine da solo in ospedale, con tutti che si comportano come se fossi già morto? O sarebbe più di tuo gradimento una morte divertente?” Con “divertente”, intendo semplicemente qualsiasi cosa un individuo consideri ideale, nei limiti del realizzabile.
Nel nostro ospedale, e nelle case dei pazienti che lo desiderano, coinvolgeremo i pazienti terminali nel pianificare la loro morte. Incoraggeremo il dialogo con le famiglie, cosicché i desideri del paziente siano chiari per tutti. Suggerendo una morte divertente, spero che i pazienti e i loro amici useranno la loro creatività per concepire un’esperienza di morte che non sia solo tranquilla, ma anche prevista correttamente. […] Alcuni potrebbero preferire una morte tranquilla a casa con la famiglia e un sacerdote raccolto in preghiera, dando il benvenuto all’eternità. […] Per qualcuno potrebbe essere adatta una festa danzante selvaggia. Per me, dato che sono una persona un po’ folle, vorrei una morte folle. La chiave è la scelta personale.
[…] La maggior parte dei pazienti con cui ho parlato desidera solo essera a casa con i propri cari e in un ambiente familiare, magari con musica, massaggi, preghiere, e qualche ricordo in più.
[…] Smettiamo di aver paura della morte e trasformiamola in un’esperienza che può avvicinarci come famiglia. Scegliamo una morte divertente.”

da “Salute!”, Patch Adams.

È stato molto istruttivo accompagnare la nonna di Vera nel suo ultimo viaggio, è stata una conferma a molte delle cose che scriveva Patch.
I famigliari che sono stati presenti nei suoi ultimi giorni hanno vissuto un qualcosa di straordinario, e quelli che non l’hanno fatto se lo sono perso, magari per andare a lavorare.

Qualcuno mi mostri l’utilità e il senso di vivere assecondando la mediocrità della nostra società e dei suoi governanti, con i suoi cliché così distanti da come un bambino vorrebbe e potrebbe vivere. È tempo che la vita riacquisti la bellezza che le spetta, e venga glorificata con una morte degna.

Questa è la mail che scrissi al mio amico Alessando pochi giorni dopo la prima:

“Caro Ale

ieri è morta la nonna di Vera.
Proprio ier mattina me ne sono andato dalla sua casa in Svizzera per tornarmene alla mia a Prato, mentre una neve bellissima e dolce
fioccava giù.
Un paio d’ore dopo esser rincasato mi ha telefonato Vera piangendo.
Manca tanto anche a me, posso davvero dire che è stata la mia terza nonna… mostrava una predilezione per me e ne sono onorato… mi mancherà tanto la sua presenza in quella casa per me così magica e che tanto di più lo è per Vera…
Al telefono mi ha detto che in un momento in cui lei, sua zia e sua mamma erano nella stanza, la nonna – che non era praticamente più cosciente da 2 o 3 giorni e mai apriva gli occhi se non a spiraglio e non offriva più risposta alcuna – ha fatto un ultimo profondo respiro, ha spalancato gli occhi in una esplosione di intensa ed improvvisa lucidità – come ritornando indietro da chissà quale mondo distante – ha guardato Vera, la mamma e la zia che erano con lei in camera, ha rivolto loro un immenso sorriso radioso ad abbracciarle, ha chiuso gli occhi una ultima volta e dopo un altro paio di respiri interrotti ma in pace, basta, non ne ha fatti più.
Caro Ale, è stata una cosa magica in una famiglia magica in una casa magica.
Visto che tutti dobbiamo morire, che bello morire così!

Abbraccio sempre il nostro preside: ci resta secco. Nessuno riesce mai neppure a dargli la mano attraverso la sua scrivania, che è troppo larga. Io l’incontro in ascensore, gli dico <<Salve, preside>> e lo abbraccio.

Felice Leonardo Buscaglia

sesso per la gioia dei disabili!!

Che vuoi che c’entri il sesso coi disabili?!!
Se uno è handicappato mica se le fa le pippe!
Quella è roba da gente sana, non scherziamo!
Ci vuole la carburazione funzionante…

.. e invece la volete la verità? Non solo il buon vecchio disabile le pippe se le fa, ma fa anche all’amore… corpo, testa e ambiente sociale permettendo!
E certo perché sempre di persone si parla, e tutti quegli impulsi strani e birichini che tante volte elettrizzano gli altri ce li hanno anche loro: mica son fatti di pongo!
Ma purtroppo a quanto pare parecchi pensano che i disabili non abbiano una vita sessuale o peggio non la debbano avere.

Attorno all’handicap c’è infatti un alone di idiozia e preconcetti che determina la relegazione in ambito sociale di chi ne è portatore poco più che alla pubblicità progresso o a quella dell’8 X 1000.
Ma gli handicappati – passatemi il termine non politically correct (concetto questo comunque di per sé ampiamente criticato, come si può leggere su Wikipedia) – non possono essere reclusi al rango di strumento di intenerimento, né essere oggetto di pregiudizi per i quali non dovrebbero aver libero accesso al sesso.
Se si parte dal presupposto che chiunque dovrebbe poter vivere una sessualità gratificante e piena, bisogna cominciare a distruggere questo tabù.

Parliamone un po’ allora.

Girando sul web alla ricerca di sesso sfrenato ho avuto invece la fortuna di imbattermi in alcuni post del blog di Maximiliano, un uomo affetto da distrofia muscolare da quando aveva 2 anni: “un mucchiettino di ossa storte”, si definisce lui stesso. Ma vivo e dalle disarmanti apertura e lucidità, aggiungo io, senza contare la sua notevole dose di inventiva che gli ha permesso di partorire il progetto Diversamente Agibile, che è – in buona sostanza – una guida turistica on-line per disabili (soprattutto motori) scritta da disabili, in cui vengono recensiti i servizi e le strutture incontrati nei vari viaggi in giro per il mondo e per l’Italia e le loro accessibilità da parte di chi ha problemi fisici: apprezzo moltissimo questo progetto dati l’attinenza e il parallelismo con la mia visione di “società ideale”.
Maximiliano è inoltre – tanto per fare un po’ di gossip – sposato con Enza, una bellissima donna siciliana, di cui è innamoratissimo e da cui è ricambiatissimo, come possiamo leggere in questa sua autointervista scritta dopo un mese dal loro matrimonio, o nei suoi post della categoria “Mi Sposo”.

E bravo Maximiliano.

È grazie a lui ed ovviamente al web 2.0 che ho avuto la conferma che i disabili hanno le stesse esigenze sessuali di tutti noi, che vanno dai pensieri erotici ai rapporti sessuali completi passando dalla masturbazione.
Ci tengo a precisare che in questo post mi riferisco solo a quelle persone la cui disabilità permette l’accesso anche difficoltoso ad una vita sessuale: dalla tetraplegia ai ritardi mentali sono un mucchio coloro che potrebbero vivere una sessualità gratificante ma a cui viene troppo spesso negata.
Per quanto riguarda tutti coloro che invece soffrono di disfunzioni erettilli e altri disturbi della sessualità dico solo che molti di questi sono risolvibili – specie se di origine nervosa ma anche in vari casi di origine fisica – e che in ogni caso un buon medico (quelli che, per capirci, hanno davvero a cuore i propri pazienti oltreché essere competenti in materia) potrà aiutare a risolvere o convivere con la propria condizione.

Ritornando ai portatori di disabilità motoria dobbiamo riconoscere intanto che per loro le difficoltà di origine fisica si uniscono a quelle di tipo sociale.
Per le prime c’è da dire che se riesci a usare pollice e indice ti sei garantito l’autonomia masturbatoria (per i maschietti… alle femminucce magari basta l’indice)… che non è poco dato che gli altri si devono far aiutare, cosa assolutamente problematica per chi non ha un partner e per coloro che vivono laddove non esiste assistenza sessuale “pratica” (se capite cosa intendo..) per i diversamente abili (come per es. in Italia).
E qui si apre anche il capitolo delle difficoltà di tipo sociale, dato che mi immagino già qualcuno saltare sulla sedia:
“Ma come, vorresti mandare i disabili a puttane?!!”.
Su questo bisogna chiarirsi perbenino: PRIMO bisogna saper distinguere tra prostituta e prostituta: una donna che sceglie consapevolmente tale mestiere è ben diversa da quelle che vi sono costrette, quindi non sono in linea di principio contrario alla prostituzione (mi viene da pensare a Bocca di Rosa di De André, per esempio), perciò non vedo perché se un uomo a cui funzionano le gambe ci può andare non dovrebbe avere lo stesso diritto uno a cui non funzionano (su tutto questo voglio precisare che la realtà è differente dalla teoria e che credo che la stragrande maggioranza del fenomeno della prostituzione sia disgustoso, per intenderci: non mi piace la prostituzione che vediamo tutti i giorni per strada e ancor meno i puttanieri e meno ancora i giri che ci sono dietro, io mi sto riferendo solo a quelle donne che scelgono di fare le prostitute in totale libertà e felicità: se le prostitute non sono pienamente felici, io sono contrario); SECONDO non stavo pensando di mandare i disabili a puttane, ma di istituire anche in Italia l’esercizio delle assistenti sessuali per disabili, come già avviene per esempio in Svizzera e in altri paesi dell’Unione Europea. Ora mi chiederete: e che fanno queste assistenti sessuali? Non ci fanno forse all’amore coi disabili? Certo, possono farlo qualora fosse il caso – anche se le loro mansioni non si limitano certamente a questo – e in questo sarebbero in fondo delle prostitute… ma di un tipo particolare, senz’altro del tipo che io permetterei: nella puntata delle Iene di martedì scorso c’era un servizio in cui Pellazza intervistava 2 assistenti sessuali per portatori d’handicap svizzere da cui traspare l’utilità che tale figura professionale può avere per molti che non possono vivere la sessualità in altra maniera. Fra le altre cose, una di loro dice chiaramente che non farebbe mai la prostituta “normale” in quanto per lei quello che fa ha tutto un altro significato rispetto alla normale prostituzione.
Ulteriori approfondimenti sulla masturbazione di un disabile motorio li potrete trovare nell’interessante post di Maximiliano, avendo cura di leggere anche i commenti al post, che valgono almeno quanto il post stesso; i dubbi di una escort che non se la sente di avere come cliente un disabile li potete trovare sempre in un post di Maximiliano e nello stesso blog di Alexia, la escort in questione (ci tengo a precisare che è lodevole il proposito di Alexia di mettere in piazza le sue difficoltà e cercare il confronto e la crescita personale, e che non deve certo diventare un obbligo per le prostitute di accettare clienti che non vogliono accettare); mentre notizie di una prostituta che più che volentieri lavora coi disabili e che per questo la società le ha messo i bastoni fra le ruote le trovate in quest’altro post sempre del nostro Max.

Detto tutto questo, rimane ancora da trattare il nocciolo delle difficoltà di tipo sociale che un disabile può incontrare nel vissuto della propria sessualità, e che è presente anche all’interno di questo mio stesso scritto in alcune cose che ho dato per scontate: com’è che quando si parla del diritto di un disabile di vivere liberamente la propria sessualità ci si riferisce sempre alle seghe e alle puttane? (Passatemi i termini: è per dar forza al discorso!)
Com’è che un disabile deve avere tutta questa difficoltà a trovarsi normali partner come tutti gli altri?

L’approfondimento di questi concetti e una soluzione che condivido APPIENO li lascio ad Antonio Capoduro, un’altra meravigliosa persona scoperta su internet:
Antonio è un esperto di formazione a distanza (e-learning) sui temi dell’accessibilita’ e del Web ferventemente convinto che con la diffusione dell’informatica si possa e si debba migliorare la qualità della vita di tutti, e il cui principale obiettivo – come dice lui stesso – è la “diffusione della cultura del libero accesso alle informazioni con professionalità, con razionalità e un pizzico di ironia”.
Estremamente attivo come collaboratore di varie università e riviste, consulente informatico e tanto altro, è a tutti gli effetti una mente “sguinzagliata” e in piena attività al servizio di tutti noi.

In un suo eccellente articolo – di cui consiglio la lettura integrale – pubblicato sulla rivista Anthropos Magazine, Antonio scrive:

Quello della sessualità in generale, e dei disabili in particolare, è un argomento delicato che non si affronta volentieri. […] Premettendo dunque che è stato complicato documentarsi adeguatamente per scrivere del rapporto fra disabilità e sessualità, si può comunque affermare che dai documenti e dai siti internet visitati emerge che il disabile ha un’unica via per soddisfare il proprio bisogno sessuale: la masturbazione. […] i disabili sono considerati “diversi”: a loro le circostanze negano l’appagamento di un istinto al quale neppure gli animali si sottraggono. […] Se i film erotici sono spariti dal piccolo schermo, sono invece diventate numerose le offerte personali e di numeri a pagamento. E queste pratiche avvilenti ed antieconomiche sembrano essere l’unica alternativa all’amore impossibile del disabile.

Antonio è sua volta disabile, sa di cosa parla.
L’articolo così continua:

[…] A chi pensa che siano poche le alternative per i disabili e che in fondo sia inutile cercarle, sarebbe bello far sapere quanto invece tutto può diventare più facile (anche la disabilità) quando si ha la certezza di avere una persona accanto, con cui si condividono l’affetto, la tenerezza e l’amore. […] La sensazione di gioia che genera un gesto di affetto, o un atto sessuale completo, è grandissima ed è indispensabile all’equilibrio mentale. […] è pericoloso credere che la masturbazione o il sesso a pagamento siano l’unica alternativa.
[…] In Italia esistono alcuni centri di assistenza psicologica sessuale […] Non si arriva mai, però, a soddisfare fisicamente l’atto, perché l’atto sessuale viene considerato estraneo.
[…] In Europa, già a partire dai primi anni Ottanta, esistono organizzazioni che offrono servizi di questo genere […] perlopiù dislocate nei Paesi Bassi, in Germania e nei paesi scandinavi; l’offerta, per i disabili dei due sessi, compresi gli omosessuali, è di prestazioni sessuali e/o di “tenerezza”;
[…] Le problematiche poste da tali servizi sono molte e complesse, perché attengono da un lato al bisogno di espressione del potenziale sessuale delle persone con disabilità, dall’altro alla realtà densa e multifattoriale della sessualità, che chiama in causa non solo la pelle e i genitali, ma anche le emozioni, i sentimenti e le relazioni.
[…] Il lavoro più grande da parte degli operatori e degli psichiatri è portare queste persone a riconoscere i [propri] limiti e la [propria] personalità e stimolare verso una condizione sociale, economica e sessualmente sostenibile.

Eccola quindi la sola ed unica soluzione:

Per fare questo […] Occorre dare la possibilità ai disabili di essere autonomi, di poter sperimentare il mondo esterno e non solo quello della famiglia, delle comunità o delle cooperative. Soltanto in questo modo si può avere una maggiore partecipazione alla vita attiva e sperare quindi in un incontro che dia origine a un rapporto affettivo. […] è necessario creare le condizioni perché l’incontro avvenga. Occorre quindi togliere il disabile dall’isolamento, inserirlo nella vita sociale e non relegarlo in realtà “protette” ove la protezione impedisce di sperimentare. […] Ci vuole la partecipazione di tutti, maggiore sensibilità e attenzioni ma anche maggiore umiltà da parte dei disabili, che troppo spesso si riservano il ruolo delle vittime; questo atteggiamento li spinge a pensare che tutto sia loro dovuto. […] La fatica nel creare le relazioni accomuna disabili e non, e abbatte la barriera costruita dai pregiudizi. […] L’assistenza sessuale per i diversamente abili va affrontata perché al momento costituisce l’unica e utile risposta al bisogno di soddisfazione del piacere sessuale, è l’unica alternativa alla masturbazione. Questo, però, è solo il primo passo. Per superare davvero il problema della sessualità nei disabili occorre creare le condizioni per eliminare le barriere di pregiudizi e di paure: serve un’azione sociale che spinga le persone ad incontrarsi liberamente, senza timore d’essere giudicate in base alla differente abilità.

Voglio concludere il post con le stesse, semplici parole di Maximiliano:

non c’è nessuna differenza tra le nostre sessualità“.

sesso per la gioia dei disabili!!
se non ve ne foste accorti, la stechiometria della “reazione” presente nel disegnino è stata rispettata… 🙂

Gli ecovillaggi sono una roba ganzissima: perché sono perfettamente integrati nell’ambiente in cui sorgono, perché ci vivono persone che condividono gli stessi principi di base, perché hanno un nome figo.
Ce ne sono alcuni che sono sostenibili al 100%, cioè inquinamento zero, roba da urlo.

Io personalmente sono assolutamente favorevole all’espansione del numero di insediamenti umani ecosostenibili – come gli ecovillaggi – e all’instaurazione di reti fra questi.
Anzi a dirla tutta uno dei posti in cui vorrei vivere in futuro è proprio l’ecovillaggio. (In realtà, vorrei anche rombare per il mondo con la mia moto sferragliante, con al seguito la borsa degli attrezzi di medicina, una penna e un quadernaccio, attrezzi per la moto, fogli da disegno e i miei pennelli. BRUMMM!!!!)

… tuttavia però forse c’è da ragionare… ci sono troppi esseri umani al mondo per pensare di poter vivere tutti negli ecovillaggi, e d’altra parte non si capisce neanche perché si dovrebbe smettere tutti di vivere nelle città… molti le ritengono sistemazioni di gran lunga preferibili a dei piccoli villaggi sperduti, ed è giusto così, ognuno vive dove vuole!
… anzi anch’io non vorrei mai lasciare del tutto la città.

Quello che mi piacerebbe, però, è che le città fossero più a misura di uomo e di ambiente.

Sarebbe bellissimo vivere in città verdi, ricche di benessere, animali, giraffe, meno macchine, eccetera eccetera, in cui tutti si interessano di tutti, anche degli sconosciuti: mi piace pensare alla mia città ideale come un luogo in cui – prima di tutto – la gente è davvero interessata alle altre persone e a tutto il resto… ecco, io credo che questa sia la cosa più importante, non credo affatto che i problemi del mondo d’oggi siano di livello tecnico.. per la verità, sospetto che abbiamo tutta la tecnica che ci serve per far andare le cose per bene. cioè, per vivere tutti con tutto ciò che ci occorre e per far andare avanti le cose attorno a noi.
Basta pensare alla vecchia storia che nel mondo c’è abbastanza cibo da sfamare tutti, ma l’80% delle persone della Terra vive con solo il 20 % delle risorse totali, e viceversa.
Se la gente fosse davvero interessata agli altri, queste disparità non ci sarebbero. Il resto sono chiacchiere, i problemi di cui solitamente si discute sono importanti, ma non sono i veri problemi: siamo un popolo che chiacchiera ancora di destra e sinistra, di tav o non tav, di immigrazione ecc., e facciamo bene a parlarne, ma dovremmo farlo dopo aver garantito il necessario a tutti.
perdiamo tempo dietro a cose importanti e cazzate, trascurando l’essenziale.
Schizofrenia sociale, siamo pazzi.

Il mio mondo ideale invece è fatto di persone che si vogliono bene, più consapevoli… la mia città ideale è fatta da gente che è capace di andare a trovare all’ospedale il parente del perfetto sconosciuto conosciuto al bar quella stessa mattina.

e vabbè questo è il sogno, l’utopia. bisognerebbe anche spogliarla del buonismo di cui sono capace, dell’ipocrisia, e affrontare i vari problemi che si frappongono alla sua realizzazione. ma nonostante questo credo ancora che il problema principale – forse l’unico vero problema – sia la mancanza di interesse verso gli altri.

Patch Adams, Gandhi, altra gente con le palle, dicono che per cambiare il mondo bisogna trasformarsi nel cambiamento che vogliamo vedere nella nostra società
Pensare al proprio mondo ideale, pensare al sé stesso in quel mondo ideale, e poi diventarlo
Patch dice che è un importante passo, che è il passo

Mi pare plausibile

In cosa io non sono il mio io ideale:
– Mi arrabbio spesso
– Non sono così felice
– Non sono realmente interessato agli sconosciuti
– tanto altro.

Come sempre c’è da lavorare su sé stessi

COME COMMENTARE I MIEI POST

se volete commentare un mio articolo e non sapete come fare cliccate l'ultima delle parole scritte in blu presenti sotto il titolo di ogni post: se nessuno ha ancora commentato ci sarà scritto "Lascia un commento", se qualcuno ha già commentato ci sarà specificato il numero dei commenti presenti, ad esempio "7 commenti", ma potrebbero essere anche 5 o 10.000... ok? insomma voi cliccate lì e poi andate a commentare in fondo alla pagina. Se invece quel pulsante non fosse presente, andate in fondo alla pagina e commentate direttamente... BUON COMMENTO! :)

È CALDAMENTE CONSIGLIATO PERMETTERSI DI FARE ERRORI!

Questo sito in perenne modifica si propone di fare e dire tante cose e quindi si suppone che tante volte sbaglierà. La creatività presuppone la libertà di fallire, il cambiamento sociale anche. Un richiamo a questo concetto (e a molti altri) si trova anche in questo bel video qua! Permettersi di fare errori è forse il miglior modo per correggerli. Dato poi che di errori ne faccio tanti e che il mio pensiero è perennemente in evoluzione, non è difficile che al termine di un mio post possiate incontrare un aggiornamento scritto in rosso. Siete caldissimamente invitati a esporre critiche dubbi consensi e quant'altro di civilmente espresso al fine di contribuire all'aggiornamento e al perfezionamento dei miei pensieri! GRAZIE!!!

Aggiornamenti Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

Le immagini presenti sul blog non realizzate da me appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.