Prospetto e profetizzo un passaggio nella produzione dei vari beni presenti sul mercato: oggi prodotti da varie aziende di terzi, un domani lo saranno da ampie comunità auto-organizzantesi formate dagli usufruitori primari di quegli stessi beni, in maniera non dissimile da come sta già avvenendo per il software, seppur con le necessarie differenze: le persone comuni non saranno più soltanto sceglitrici, e nemmeno semplici masse critiche capaci di condizionare il mercato, bensì produttori, cuore stesso del mercato.
Dai beni primari ai secondari ai terziari.
Un meraviglioso meccanismo autogestito, autorigenerante, autocontrollato.
Un meraviglioso stravolgimento del mercato.

Annunci